Bottega Veneta lavora con noi: un progetto di formazione e coaching
17113
post-template-default,single,single-post,postid-17113,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-16.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 
bottega veneta

Bottega Veneta e salef

Bottega Veneta e salef: una nuova avventura con Bottega Veneta Montebello

 

Incontrare la bellezza di Bottega Veneta ha rappresentato per Salef una grande occasione.

Possiamo dire: bottega veneta lavora con noi!

Si è aperto dunque un “cantore ” formativo presso bottega veneta sede a Montebello Vicentino che è come dire bottega veneta Vicenza, per realizzare non una nuova bottega veneta borse ma per riempire le “borse” virtuali e talvolta intangibili della conoscenza del middle management della’area operational.

La grande azienda che ha saputo mantenere la qualità di un artigianato di altissimo livello si trova con la sua area di produzione a Montebello Vicentino all’ interno di una stupenda villa.

E’ stato bello per Salef entrare in Bottega Veneta e accettare la sfida di accompagnare il middle management dell’area operational in un percorso formativo attraverso un attività di formazione al team e un’attività di coaching individuale.

Siamo entrati a far parte per qualche momento per dirla con uno slogan della bottega veneta home…una casa di grande qualità, che sa coniugare la creatività con la serietà e il rigore di una produzione attenta ad ogni particolare.

Scoprire l’attenzione, l’intraprendenza e l’impegno  che caratterizza queste persone e al contempo poter fornire strumenti e metodi per accompagnare e sostenere i diversi team, per rendere maggiormente efficace la dimensione di interrelazione far le squadre utilizzando gli strumenti del triangolo sistemico e il modello team vital sign di Six Seconds, oltre agli strumenti di assessment individuale come il Sei di six seconds.

Il progetto ha previsto di affrontare tre dimensioni:

  • quella individuale di ciascun soggetto in formazione
  • la dimensione di team coaching
  • la dimensione di team building
bottega veneta

bottega veneta

Per la parte individuale la salef srl ha messo in gioco i propri coach ed ha utilizzato gli strumenti di assessment di six seconds per restituire ai partecipanti al percorso formativo strumenti di consapevolezza e lettura delle propri competenze emotive. Competenze che spesso vengono sottovalutate e spesso non riconosciute e pertanto non utilizzate con cognizione di causa.

Proprio per questo sono state dedicate delle sessioni individuali ad hoc che hanno consentito ai collaboratori di Bottega Veneta di entrare ancor più in sintomi con loro stessi affinando quelle riflessioni di miglioramento continuo che ciascun professionista pone come obiettivo imprescindibile nel suo pensare e agire quotidiano.

La fase invece di team  coaching è stata caratterizzata dal modello utilizzato dalla salef anche in Vodafone, per favorire al meglio una esperienza di confronto e di crescita attorno alle percezioni individuali e collettive al fine di comprendere come queste giochino un ruolo fondamentale nelle azioni che ogni giorno caratterizzano la vita professionale.

Abbiamo sperimentato l’approccio del triangolo sistemico e quello legato  alla conoscenza dei diver afferenti al  modello team vital sign di six seconds.

L’esperienza fantastica di condividere una nuova griglia di lettura e di vedere come persone motivate e di alta qualità professionale si siano  messe in gioco con lo scopo di vedere la loro dimensione trasversale crescere ed evolversi e di poter attivare altresì altre nuove risorse e abilità direttamente nei loro team di appartenenza.

l’utilizzo di strumenti didattici e modalità che hanno previsto il muoversi e il posizionarsi anche fisicamente delle persone in aula, hanno favorito il realizzarsi di una esperienza unica nel suo genere e hanno lasciato intravvedere passo dopo passo, nuovi scenari e chiavi di lettura utili all’agire di ciascuno anche a partire da subito.

Una avventura professionale molto apprezzata dallo staff delle risorse umane di Bottega Veneta, uno staff molto attento con il quale la Salef ha condiviso ogni passo e ogni metodologia.

L’attività formativa e il corso erogato ha portato il team traversale a conoscere e apprezzare in modo più sincero e consapevole la caratteristiche e i talenti di ciascuno, contribuendo di fatto a rinforzare ancor di più il senso di appartenenza e l’orientamento all’ obiettivo.

Per questo,  al termine di queste due fasi si è dato vita allo step dedicato al team building al fine di consolidare maggiormente la dimensione di team e con lo scopo di favorire il mettersi in gioco del middle management, abbiamo organizzato un team building con il coinvolgimento di Bottega Veneta, Salef e la Protezione Civile che ha consentito il realizzarsi di una esperienza indimenticabile, sui tema del mettersi alla prova , della gestione dell’emergenza, del rapporto con altre figure professionali, iniziando così una riflessione sul tema dei valori e del rapporto tra valori individuali e collettivi e, fra questi, e le azioni correlate.

Cosa significa entrare  in contatto con un mondo così lontano dal business come la Protezione Civile, provare a misurarsi su aspetti e obiettivi che sembrano così lontani?

Questa è stata la sfida che salef srl ha voluto proporre ad una azienda coraggiosa  e all’avanguardia come Bottega Veneta e che la stessa ha accolto molto volentieri perchè ha percepito la vicinanza fra l’intento che si era prefissata e il modello proposto.

L’attività ha comportato un lungo lavoro di co-costruzione con i volontari della Protezione Civile che sono abituati a relazionarsi con ben altre realtà territoriali ma molto raramente con aziende come Bottega Veneta. Come è stato arricchente provare ad “istruire” i volontari chiamati a prendersi una giornata di ferie per lavorare con Bottega Veneta, con un duplice scopo: fungere da risorse utili alla riflessione dei dipendenti aziendali e al contempo far conoscere ai partecipanti il valore e la storia della protezione civile.

La sorpresa per noi della Salef non è stata tanto quella di vedere la soddisfazione dei partecipanti che di fatto erano riusciti a raggiungere gli obiettivi prefissati ma  toccare con mano quanto il contatto con il valore e l’umanità del contatto con i volontari della protezione civile avesse rappresentato il più grande punto di forza percepito nell’intera giornata.

L’incontro fra ruoli diversi ma fra valori convergenti di chi ha partecipato a questa avventura, ha consentito che la salef e Bottega Veneta si portassero a casa un grande successo formativo conclusosi poi in serata con un momento celebrativo e sociale assieme alla struttura HR e a qualche importante stakehoders dell’azienda.

Anche questa esperienza si è giocata sulla metafora, supportati dalla Protezione Civile , persone di grande spessore e umanità.

No Comments

Post A Comment